Normativa

  • D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446
    (Istituzione dell'imposta regionale sulle attività produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell'Irpef e istituzione di una addizionale regionale a tale imposta, nonché riordino della disciplina dei tributi locali)
    Artt. da 1 a 45.
  • D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460.
    (Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale)
    Art. 21. Esenzioni in materia di tributi locali – Facoltà per i comuni, le province, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano di deliberare nei confronti delle ONLUS la riduzione o l'esenzione dal pagamento dei tributi di loro pertinenza e dai connessi adempimenti.
  • D.Lgs. 18 febbraio 2000 n. 56
    (Disposizioni in materia di federalismo fiscale, a norma dell'articolo 10 della legge 13 maggio 1999, n. 133)
    Art. 13 - Modifiche dell'attribuzione del gettito IRAP alle regioni a statuto ordinario
  • D.Lgs. 4 maggio 2001, n. 207
    (Riordino del sistema delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza, a norma dell'articolo 10 della L. 8 novembre 2000, n. 328.)
    Art. 4
    – Disposizioni comuni –  comma 5 – Possibilità da parte dei comuni, delle province, delle regioni e delle province autonome di Trento e Bolzano di prevedere la riduzione e l'esenzione dal pagamento dei tributi di loro pertinenza per le istituzioni riordinate in aziende pubbliche di servizi alla persona o in persone giuridiche di diritto privato.
  • Legge 30 dicembre 2004, n. 311
    (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005)
    Art. 1 commi 174 e 180 – Disposizioni per la copertura dei disavanzi di gestione accertati o stimati nel settore sanitario attraverso maggiorazioni dell'aliquota dell'imposta  regionale sulle attività produttive
  • Legge. 23 dicembre 2005, n. 266
    (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006)
    Art. 1 comma 299 - Facoltà per le regioni che si sono avvalse della facoltà di cui all'articolo 21 del D.Lgs. di estendere il regime agevolato, deliberato nei confronti delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale, in materia di riduzione o esenzione dell'imposta di cui al decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, anche alle Aziende pubbliche di servizi alla persona (ASP).
  • Legge 24 dicembre 2007, n. 244
    (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2008)
    Art. 1, comma 43 - Regionalizzazione dell’IRAP
  • D.L. 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2
    (Misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale.)
    Art. 6 - Deduzione dall’IRES della quota di IRAP relativa al costo del lavoro e degli interessi
  • D.L. 30 dicembre 2008 n. 207, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n. 14
    (Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni finanziarie urgenti.)
    Art. 42- Differimento di termini in materia fiscale
  • Legge 5 maggio 2009, n. 42
    (Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell'articolo 119 della Costituzione)
    Art. 7 - Princìpi e criteri direttivi relativi ai tributi delle regioni e alle compartecipazioni al gettito dei tributi erariali
  • Legge 23 dicembre 2009, n. 191
    (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2010)
    Art. 2- Disposizioni diverse
    comma 77 - Condizioni di obbligatorietà per la presentazione di un Piano di rientro dai deficit sanitari
    comma 80 - Obbligo del mantenimento per la regione sottoposta al Piano di rientro, per l'intera durata del piano, della maggiorazione dell'aliquota dell'addizionale regionale all'IRPEF ove scattata automaticamente ai sensi dell'art. 1, comma 174, della legge n. 311 del 2004)
    comma 86 -Aumento in misura fissa l'incremento nelle misure fisse di 0,15 punti percentuali dell'aliquota dell'imposta regionale sulle attività' produttive  in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi indicati nel Piano di rientro dai deficit sanitari
  • D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122.
    (Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica.)
    Art. 40 - Fiscalità di vantaggio per il Mezzogiorno
  • D.Lgs. 6 maggio 2011, n. 68
    (Disposizioni in materia di autonomia di entrata delle regioni a statuto ordinario e delle province, nonché di determinazione dei costi e dei fabbisogni standard nel settore sanitario.)
    Art. 5 - Riduzione dell’imposta regionale sulle attività produttive
  • Legge 12 dicembre 2011, n. 183
    (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato. (Legge di stabilità 2012)
    Art. 22 - Apprendistato, contratto di inserimento donne, part-time, telelavoro, incentivi fiscali e contributivi
  • D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge di 22 dicembre 2011, n. 214
    (Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici.)

    Art. 2 - Agevolazioni fiscali riferite al costo del lavoro nonché per donne e giovani
  • Legge 23 dicembre 2014, n. 190
    (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità' 2015)
    Art. 1
    commi 20 e 21 – Integrale deducibilità del costo del lavoro per il personale dipendente con contratto a tempo indeterminato
    commi 54-89
    Disciplina del regime forfetario per i contribuenti persone fisiche esercenti attività d'impresa, arti o professioni che sono esclusi dall’IRAP. (comma 64)
  • Legge 28 dicembre 2015, n. 208  
    (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)
    Art. 1  
    comma 70 - Esclusione dalla soggettività passiva dell’IRAP per tutti i soggetti che esercitano un’attività agricola ai sensi dell’art. 32 del TUIR, soggetti che, fino alla data di entrata in vigore della legge, applicavano l’aliquota dell’1,9%.
    comma 73- Deduzione ai fini IRAP per ogni lavoratore stagionale impiegato per almeno centoventi giorni per due periodi d'imposta, a decorrere dal secondo contratto stipulato con lo stesso datore di lavoro nell'arco temporale di due anni a partire dalla data di cessazione del precedente contratto
  • D.Lgs. 3 luglio 2017, n. 117
    (Codice del Terzo settore, a norma dell'articolo 1, comma 2, lettera b), della legge 6 giugno 2016, n. 106).
    Art. 82- Disposizioni in materia di imposte indirette e tributi locali
    comma 7 – Possibilità, per i comuni, le province, le città metropolitane e le regioni di prevedere nei confronti degli enti del Terzo settore che non hanno per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciale la riduzione o l'esenzione dal pagamento dei tributi di loro pertinenza e dai connessi adempimenti.
    comma 8- Possibilità per le regioni e le Provincie autonome di Trento e Bolzano di prevedere nei confronti degli enti del Terzo settore la riduzione o l'esenzione dall'IRAP nel rispetto della normativa dell'Unione europea e degli orientamenti della Corte di giustizia dell'Unione europea.
    Art. 101 - Norme transitorie e di attuazione
    comma 2 - Fino all'operatività del Registro unico nazionale del Terzo settore, continuano ad applicarsi le norme previgenti ai fini e per gli effetti derivanti dall'iscrizione degli enti nei Registri Onlus, Organizzazioni di Volontariato, Associazioni di promozione sociale e Imprese sociali che si adeguano alle disposizioni del presente decreto entro diciotto mesi dalla data della sua entrata in vigore. Entro il medesimo termine, esse possono modificare i propri statuti con le modalità e le maggioranze previste per le deliberazioni dell'assemblea ordinaria.
    Art. 102 - Abrogazioni
    Abrogazione dell’art. 21. del  D.Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460, recante il riordino della disciplina tributaria delle ONLUS a decorrere dal termine previsto dall'articolo 104, comma 2, del medesimo decreto.