Il Dipartimento

l Dipartimento delle Finanze nasce con il DPR n. 43 del 30 gennaio 2008 (modificato con il DPR n. 173 del 18 luglio 2011), che completa la riforma dell'Amministrazione finanziaria avviata nel 2001.

La riorganizzazione del 2001 aveva istituito il Dipartimento con funzioni di governo del sistema fiscale e quattro Agenzie per svolgere attività operative di gestione dei tributi e di relazioni con i contribuenti.
Con il nuovo regolamento è stata rafforzata la funzione del Dipartimento di regia complessiva del sistema fiscale, di progettazione del suo sviluppo, di strategia di politica fiscale, di indirizzo e controllo delle Agenzie, delle società ed enti economici che compongono l'Amministrazione finanziaria.

Il Dipartimento, in particolare:

  • cura la produzione delle norme, emana direttive interpretative della legislazione tributaria e coordina l’attività delle Agenzie, che assicurano l’applicazione del sistema tributario nei confronti dei contribuenti. Monitora l’andamento delle entrate fiscali e analizza i dati statistici per la definizione e valutazione delle politiche tributarie. Verifica che siano rispettate le esigenze di semplificazione degli adempimenti fiscali e dei relativi modelli di dichiarazione;
  • garantisce, sulla base degli indirizzi del Ministro, l’unità di indirizzo dell’Amministrazione finanziaria attraverso la programmazione degli obiettivi delle Agenzie, il coordinamento generale del sistema e la verifica dei risultati. Cura la predisposizione delle convezioni annuali;
  • vigila sulle modalità complessive dell'esercizio delle funzioni fiscali da parte delle agenzie, e degli altri soggetti operanti nel settore della fiscalità di competenza dello Stato, sotto il profilo della trasparenza, imparzialità e correttezza nell'applicazione delle norme, con particolare riguardo ai rapporti con i contribuenti nonché a quanto previsto dalla legge 27 luglio 2000, n. 212.
  • assicura la partecipazione dell’Italia allo sviluppo dei processi di integrazione europea e di cooperazione internazionale in campo tributario e fiscale;
  • gestisce i rapporti con il sistema delle autonomie regionali e locali per lo sviluppo del federalismo fiscale e di ogni forma di decentramento dell’imposizione e del prelievo tributario;
  • promuove la conoscenza del sistema fiscale e delle norme tributarie, realizzando attività di comunicazione e anche coordinando l’attività di informazione e assistenza ai contribuenti svolta dalle Agenzie;
  • coordina il sistema informativo della fiscalità per favorire anche lo sviluppo e l'innovazione delle tecnologie d’informazione e comunicazione. Definisce criteri e regole per l'utilizzazione dei dati raccolti ed elaborati dal sistema informativo della fiscalità;
  • monitora la giurisprudenza in materia tributaria e fiscale evidenziando i casi in cui non vi sia un univoco orientamento giurisprudenziale. Provvede alla gestione e al funzionamento dei servizi relativi alla Giustizia tributaria.