Adempimenti

Entro i sette giorni successivi alla data del bonifico, ovvero all’emissione di vaglia internazionale, il contribuente deve inviare, tramite raccomandata, a Equitalia Servizi, Via B. Croce, 124 – 00142 Roma, la parte destra del modello di versamento in c/c postale, denominata “ certificato di accreditamento”, previa sua compilazione secondo le istruzioni e le modalità riportate sul retro del modello stesso, ma con le seguenti modifiche o integrazioni:

  • non deve essere indicato né l’Agente della riscossione né il suo numero di conto corrente postale;
  • va indicato il cognome e il nome del contribuente (in luogo del domicilio fiscale);
  • lo Stato estero di residenza con la specificazione dell'indirizzo;
  • il codice fiscale italiano o estero, se posseduto.

Nello spazio bianco riservato al "bollo dell'ufficio P.T." va indicato quale mezzo è stato utilizzato per il versamento (bonifico bancario, vaglia internazionale ordinario, vaglia internazionale di versamento in c/c) - e i suoi estremi (la data di ordine del bonifico, il suo importo e la denominazione della banca operante all'estero incaricata dell'operazione, ovvero la data di emissione all'estero del vaglia, il suo importo e la denominazione dell'ufficio postale presso il quale il titolo è stato emesso).

Se l'importo versato si riferisce ad immobili ubicati sul territorio di più comuni, il contribuente deve compilare e inserire in un'unica busta, da spedire a Equitalia Servizi, tanti modelli quanti sono i Comuni in cui si trovano gli immobili, limitatamente alla parte denominata "certificato di accreditamento".

In questo caso, il totale degli importi versati ai vari Comuni deve essere pari all'importo complessivo pagato.