Elenco riepilogativo delle aliquote per l’anno d’imposta 2016

Elenco saldo 2016
Elenco saldo 2016
Aggiornamenti:
-    6 febbraio 2017 per il Comune di Villa Literno (L844);
-    9 marzo 2017 per il Comune di Calvi Risorta (B445);
-    14 aprile 2017 per il Comune di Velezzo Lomellina (L716);
-    15 novembre 2017 per il Comune di Perugia (G478)

Aliquote applicabili per i comuni di Firenzuola e Montalcino

In questa pagina è pubblicato l’elenco riepilogativo che individua per ciascun comune l’aliquota e l’eventuale esenzione da applicare per il calcolo del saldo dell’addizionale comunale all’IRPEF relativo al 2016 e dell’acconto relativo al 2017. In virtù della modifica normativa introdotta dall'art. 8, comma 2, del D.Lgs. n. 175 del 2014, infatti, l’acconto dell’addizionale comunale all’IRPEF deve essere determinato sulla base delle aliquote e dell’esenzione vigenti nell’anno precedente.

L’elenco, oltre al relativo codice catastale, denominazione e provincia di appartenenza del comune, reca:
•    l'aliquota unica ovvero le 5 aliquote da applicare per gli scaglioni di reddito stabiliti, ai fini dell’IRPEF, dalla legge statale;
•    l'importo relativo all’eventuale soglia di esenzione per specifici requisiti reddituali.
Nei casi in cui i dati risultanti dalla delibera non siano stati inseriti nell’applicazione mediante la modalità di acquisizione assistita, che prevede un format predefinito, i campi dell’elenco relativi alle aliquote e alla soglia di esenzione risultano vuoti e nella colonna “Casi specifici” è riportata la dicitura “Nota”.

Ai fini di un corretto uso dei dati riportati nell’elenco riepilogativo si tenga conto che con la dicitura:
•    “0,0”, riportata nella colonna “Aliquota unica”, sono stati indicati quei comuni che, con apposita delibera comunicata al Dipartimento delle finanze per la pubblicazione sul presente sito internet, hanno stabilito di non applicare l’addizionale in parola. La medesima dicitura è stata utilizzata per indicare quei comuni che, con apposito atto, hanno disposto l’annullamento della delibera istitutiva dell’addizionale in precedenza adottata;
•    “0*”, riportata nella colonna “Aliquota unica”, sono stati indicati quei comuni che non hanno dato comunicazione al Dipartimento delle finanze dell’istituzione e dell’applicazione dell’addizionale comunale;
•    “Nota”, riportata nella colonna “Casi specifici”, sono stati indicati i casi in cui i dati risultanti dalla delibera non sono stati inseriti nell’applicazione mediante la modalità di acquisizione assistita, che prevede un format predefinito. Cliccando “Nota” si apre il collegamento con la pagina del presente sito internet dedicata alla ricerca delle aliquote per singolo comune;

Si segnala che, in applicazione del comma 26 dell’art. 1 della legge n. 208 del 2015, le delibere di determinazione delle aliquote dell’addizionale comunale all’IRPEF sono inefficaci, per l’anno 2016, nella parte in cui esse stabiliscono un aumento dell’imposta rispetto al 2015.
Conseguentemente, per i comuni che hanno disposto aumenti, l’elenco riporta le aliquote e l’eventuale esenzione che sono effettivamente applicabili tenuto conto di detta inefficacia.