Iva

  • La Direzione generale della Fiscalità e dell’Unione Doganale della Commissione Europea ha pubblicato le “Note esplicative sulle norme IVA dell’Unione Europea concernenti il luogo delle prestazioni di servizi relativi a beni immobili che entreranno in vigore nel 2017 (regolamento di esecuzione (UE) n. 1042/2013 del Consiglio)” per consentire un’applicazione quanto più uniforme possibile della norma sul luogo di tassazione dei servizi relativi a beni immobili di cui all’art. 47 della direttiva IVA”. Tale documento, tuttavia, non contiene disposizioni giuridicamente vincolanti e si limita a fornire orientamenti pratici informali sulle modalità di applicazione del diritto dell’UE.
  • La Commissione Europea ha pubblicato l’aggiornamento al mese di gennaio 2014 delle aliquote IVA applicate dai paesi membri.
  • E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, il Regolamento di Esecuzione 17/2014 della Commissione del 20 gennaio 2014 che stabilisce il modulo standard per la notifica di una misura speciale nell’ambito del meccanismo di reazione rapida contro le frodi in materia IVA.
  • E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L316/35 la Decisione di esecuzione del Consiglio Europeo del 15 novembre 2013 che autorizza la Repubblica italiana a continuare ad applicare una misura speciale di deroga all’art.285 della Direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto (2013/678/UE).
  • E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L316/37 la Decisione di esecuzione del Consiglio Europeo del 15 novembre 2013 recante modifica della decisione 2007/441/CE che autorizza la Repubblica italiana a d applicare misure in deroga all’articolo 26, paragrafo 1, lettera a) e all’art.168 della Direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto (2013/679/UE).
  • E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il Regolamento di esecuzione n.1042/2013 del 7 ottobre 2013 del Consiglio Europeo che modifica il Regolamento di esecuzione n.282/2011 relativo all’individuazione, ai fini IVA, del luogo delle prestazioni di servizi tramite mezzi elettronici o servizi telefonici forniti via internet resi ad un destinatario attraverso reti di telecomunicazione o tramite un’interfaccia o un portale.
  • Direttiva 2013/42/UE del Consiglio del 22 luglio 2013 che modifica la Direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto, per quanto riguarda un meccanismo di reazione rapida contro le frodi in materia di IVA.
  • La Commissione Europea ha pubblicato la tabella aggiornata al 2013 con le aliquote IVA applicate negli Stati membri dell’Unione Europea.
  • Sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (L 249) le seguenti rettifiche alle direttive relative al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto:
    Rettifica della direttiva 2009/162/UE del Consiglio, del 22 dicembre 2009, che modifica varie disposizioni della direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto (GU L 10 del 15.1.2010)
    Rettifica della direttiva 2010/45/UE del Consiglio, del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto per quanto riguarda le norme in materia di fatturazione (GU L 189 del 22.7.2010)
    Rettifica della direttiva 2008/9/CE del Consiglio, del 12 febbraio 2008, che stabilisce norme dettagliate per il rimborso dell’imposta sul valore aggiunto, previsto dalla direttiva 2006/112/CE, ai soggetti passivi non stabiliti nello Stato membro di rimborso, ma in un altro Stato membro (GU L 44 del 20.2.2008)
    Rettifica della direttiva 2008/8/CE del Consiglio, del 12 febbraio 2008, che modifica la direttiva 2006/112/CE per quanto riguarda il luogo delle prestazioni di servizi (GU L 44 del 20.2.2008)
  • Direttiva 2010/88/UE del Consiglio del 7.12.2010 che modifica la direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune di imposta sul valore aggiunto, in relazione alla durata dell’obbligo di applicazione di un’aliquota normale unica..
  • Direttiva 2010/667UE del 14.10.2010 recante modifiche alla direttiva 2008/9/CE che stabilisce norme dettagliate per il rimborso dell’imposta sul valore aggiunto, previsto dalla direttiva 2006/112/CE, ai soggetti passivi non stabiliti nello Stato membro di rimborso, ma in un altro Stato membro.
  • Direttiva 2010/45/UE del 13 luglio 2010 recante modifiche alla Direttiva2006/112/CE relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto per quanto riguarda le norme in materia di fatturazione.
  • Direttiva 2010/23/UE del 16 marzo 2010 relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto per quanto concerne l’applicazione facoltativa e temporanea del meccanismo d’inversione contabile alla prestazione di determinati servizi a rischio di frodi.
  • Direttiva 2009/162/UE del 22 dicembre 2009 che modifica varie disposizioni della Direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto.
  • La Direttiva 2009/69/CE del 25 giugno 2009 ha l'obiettivo di contrastare le frodi in materia di IVA, basate sull'esenzione prevista dall'art. 143, lettera d) della Direttiva 206/112/CE. L’esenzione dal pagamento dell’IVA all’importazione è permessa quando la stessa è seguita da una cessione o da un trasferimento comunitario dei beni importati ad altro soggetto passivo di Stato membro; in altri termini, l’esenzione è concessa quando le merci importate sono vendute dall’importatore ad un altro soggetto passivo all’interno della UE.
  • Direttiva 2008/117/CE del 16 dicembre 2008 che modifica la direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune di Imposta sul valore aggiunto. La Dir 2008/117/Ce riduce i tempi previsti per la presentazione degli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie (INTRASTAT).
  • Direttiva 2006/112/CE del 28 novembre 2006 che modifica la direttiva 77/388/CEE al fine di predisporre un testo unico delle norme sul sistema comune di Imposta sul valore aggiunto, razionalizzando e coordinando le numerose e sostanziali modifiche intervenute nel tempo in materia. La direttiva è entrata in vigore dal 1° gennaio 2007 GU dell'Unione Europea 11.12.2006 L 347/1 (Direttiva aggiornata al 21 gennaio 2009).
  • VI Direttiva Iva - Direttiva 77/388/CEE del 17 maggio 1977 in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati Membri relative alle imposte sulla cifra di affari - Sistema comune di imposta sul valore aggiunto: base imponibile uniforme. GUCE 13.6.1977 L 145.
    La Direttiva rappresenta il principale riferimento normativo per la disciplina comunitaria dell'imposta sul valore aggiunto. Con la sua adozione si definiscono regole comuni per tutti i Paesi membri e viene introdotta un'aliquota comunitaria. Il gettito derivante dall'applicazione dell'imposta contribuisce a finanziare le risorse proprie della Comunità.
  • V Direttiva Iva - Direttiva 72/250/CEE del 4 luglio 1972 in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati Membri relative alle imposte sulla cifra d'affari (introduzione dell'imposta sul valore aggiunto in Italia). GUCE 18.07.1972 L 162.
    La Direttiva fissa un nuovo termine massimo (1.1.1973) per l'applicazione del sistema comune dell'Iva in Italia.
  • IV Direttiva Iva - Direttiva 71/401/CEE del 20 dicembre 1971 in materia d'armonizzazione delle legislazioni degli Stati Membri relative alle imposte sulla cifra d'affari - Introduzione dell'imposta sul valore aggiunto in Italia. GUCE 24.12.1971 L 283.
    La Direttiva introduce una proroga di sei mesi a favore dell'Italia (fino al 1.7.1972) per l'introduzione del regime comune Iva.
  • III Direttiva Iva - Direttiva 69/463/CEE del 9 dicembre 1969 in materia d'armonizzazione delle legislazioni degli Stati Membri relative alle imposte sulla cifra d'affari - Introduzione dell'imposta sul valore aggiunto negli Stati Membri. GUCE 20.12.1969 L 320.
    La Direttiva fissa un nuovo termine massimo (1.1.1972) per la introduzione da parte degli Stati membri dell'imposta sul valore aggiunto.
  • II Direttiva Iva - Direttiva 67/228/CEE dell'11 aprile 1967 in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati Membri relative alle imposte sulla cifra d'affari - Struttura e modalità d'applicazione del sistema comune d'imposta sul valore aggiunto. GUCE 14.04.1967, P 07.
    La Direttiva definisce la struttura e le modalità di applicazione del sistema comune d'imposta sul valore aggiunto.
  • I Direttiva Iva - Direttiva 67/227/CEE dell'11 aprile 1967 in materia di armonizzazione delle legislazioni degli Stati Membri relative alle imposte sulla cifra d'affari. GUCE 14.04.1967, P 71.
    La Direttiva introduce un sistema comune di imposta sul valore aggiunto al fine di armonizzare le legislazioni degli Stati membri relative alle imposte sulla cifra d'affari.