Unione europea

Il Trattato istitutivo della Comunità europea ha collegato la piena attuazione del mercato interno al perseguimento degli obiettivi della politica fiscale comunitaria. Nel campo dell'imposizione indiretta, e in particolare dell'Imposta sul valore aggiunto, ha previsto strumenti giuridici finalizzati all'armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri.

Per l'imposizione diretta, invece, le politiche fiscali dell'Unione europea dipendono soprattutto dagli Stati membri. L'azione comunitaria è sussidiaria, ossia è volta a rendere i sistemi fiscali nazionali compatibili tra loro e con gli obiettivi del Trattato, nonchè con la piena ed effettiva realizzazione del mercato interno.

Nel corso degli ultimi trent'anni, i principali interventi in materia fiscale sono stati diretti a rafforzare l'armonizzazione delle legislazioni nazionali nel campo dell'imposizione indiretta e a rafforzare la cooperazione amministrativa tra gli Stati membri per migliorare lo scambio di informazioni tra autorità competenti.

In questa sezione sono disponibili:

 

Nei casi di scorretta applicazione della legislazione comunitaria da parte delle Amministrazioni pubbliche, anche per la materia fiscale, cittadini e imprese possono ricorrere alla rete Solvit per risolvere problematiche transfrontaliere senza rivolgersi all'autorità giudiziaria. La rete collega attraverso una comune banca dati on line i centri Solvit presenti negli Stati membri dell'Unione europea e in Norvegia, Liechtenstein e Islanda. Ai centri SOLVIT, che offrono un servizio gratuito, recentemente si è aggiunto EU-Pilot.
Altre informazioni sono disponibili sul sito http://europa.eu/solvit. Per maggiori approfondimenti su tutta l’a ttività dell’Unione Europea, è possibile consultare i seguenti siti: