Abolizione della distinzione tra usi commerciali e non commerciali del gasolio per autotrazione

La proposta di modifica della Direttiva 2003/96/CE prevede l’abolizione della possibilità concessa agli Stati Membri di differenziare il livello di tassazione del gasolio impiegato per gli usi commerciali rispetto a quello utilizzato per usi non commerciali. Tale disposizione è ritenuta non più compatibile con l’esigenza di migliorare l’efficienza energetica e con la necessità di contrastare il crescente impatto dei trasporti sull’ambiente.
L’abolizione della norma che consente tale possibilità di differenziazione è vista con particolare preoccupazione dal 50% degli utenti che hanno partecipato alla Consultazione pubblica, di cui il 33% esprimendosi in merito alle conseguenze sul trasporto collettivo di persone. L’approvazione di tale proposta, non consentirebbe più l’applicazione di un’aliquota inferiore al gasolio utilizzato per il trasporto di merci e per il trasporto collettivo di persone.
Ciò è ritenuto in contrasto con gli obiettivi di competitività del settore dell’autotrasporto, già impegnato in numerose misure a favore dell’ambiente, e con quelli di fondo della politica ambientale europea poiché non viene incentivata la mobilità sostenibile. E’ stata, inoltre, evidenziata la situazione di svantaggio competitivo derivante dalla proposta al trasporto terrestre, essendo contestualmente mantenute le esenzioni per i prodotti energetici destinati alla navigazione aerea e marittima.