Financial Transaction Tax (FTT)

La Commissione Europea ha presentato il 28 settembre una proposta, COM(2011)594, volta a introdurre un’imposta sulle transazioni finanziarie in tutti i 27 Stati membri dell’Unione europea.

L’imposta sulle transazioni finanziarie si applicherebbe a tutte le transazioni di strumenti finanziari tra enti finanziari per le quali almeno una controparte della transazione sia stabilita all’interno dell’UE. Lo scambio di azioni e obbligazioni sarebbe tassato con un’aliquota dello 0,1%, mentre per i derivati il tasso sarebbe dello 0,01%.
La Commissione ha proposto che l’imposta entri in vigore il 1^ gennaio 2014.

Il Dipartimento delle Finanze ha invitato  dal 28 settmebre al 30 novembre 2011 gli interessati ad inviare contributi e osservazioni ritenuti utili sulla proposta, disponibile nelle versioni linguistiche (ITENFR,).

Destinatari

L’iniziativa si è rivolta a quattro categorie di Utenti: 1) Associazione economico professionale, 2) Professionista, 3) Centro di Ricerca/Università, 4) Privato cittadino.

Esiti:

Il 63% degli Utenti ha espresso il proprio favore nei confronti dell’idea di introdurre un’I mposta sulle Transazioni Finanziarie.

Il 31% degli Utenti ha manifestato la propria contrarietà alla Proposta; l’80% di questi, principalmente a causa dell’applicazione dell’imposta limitata all’ambito UE,

il 20% perché la ritiene basata sul presunto privilegio dell’esenzione IVA di cui beneficiano i settori bancario ed assicurativo. Considerato che la Valutazione di Impatto della Commissione relativa all’imposta sulle Transazioni Finanziarie individua nell’esenzione IVA prevista per la maggior parte dei servizi finanziari ed assicurativi un trattamento privilegiato per gli operatori di tali settori,

il 19% degli Utenti si è espresso sull’argomento. Tra essi, il 66% ritiene che il regime di esenzione non costituisca un vantaggio stante l’impossibilità di detrarre l’IVA sugli acquisti.

Il 33% ritiene invece che il settore finanziario goda effettivamente di un inferiore livello di tassazione. Ulteriori commenti generali sulla Proposta sottolineano la maggiore estensione del campo di applicazione dell’Imposta sulle Transazioni Finanziarie rispetto al modello della Tobin Tax; l’auspicio di un’anticipazione dell’entrata in vigore; l’assenza di una definizione oggettiva e condivisa di transazione speculativa.

E’ stata infine evocata la necessità di introdurre una soluzione urgente che può essere semplice a fronte di una questione complessa.